La prima dell’anno nuovo è buona: 2-0 alla Pontevecchio e allungo in classifica

Un doppio colpo micidiale a inizio ripresa e il Foligno inaugura il 2019 con una vittoria ai danni della Pontevecchio. Il successo per 2-0 permette anche ai Falchi di allungare in vetta alla classifica: adesso sono 5 i punti di distacco dalle seconde, Spoleto e Lama, appaiate a 34. Una partita, quella con i rosso-verdi di Grilli, non semplice però da sbloccare per i ragazzi di Armillei, che nel primo tempo hanno avuto a che fare con un avversario preparato e ben arroccato. Foligno però implacabile all’alba dei secondi 45’, quando ha saputo sfruttare gli errori altrui per andare a rete. Prima dell’inizio della gara osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Giulio Bromuri, capitano del Foligno tra gli anni Sessanta e Settanta, scomparso in settimana; i giocatori del Foligno sono per l’occasione scesi in campo anche con il lutto al braccio.
LA SFIDA – Foligno che non riesce ad alzare da subito i ritmi vista la densità e il pressing portati dagli ospiti nella zona nevralgica. La prima conclusione dei Falchi è del 21’, con Ventanni, che raccoglie un pallone arrivato da corner e tenta il sinistro da fuori, disinnescato da Guerra, poi l’azione è fermata per fuorigioco. Gli uomini di Armillei tengono il possesso e provano ad aumentare la pressione dalla mezz’ora. La Pontevecchio alza però il muro e rende inefficace il predominio dei padroni di casa fino al duplice fischio di Cerbasi. Questo anche perché gli ultimi disperati assalti del primo round da parte del Foligno sono infruttuosi. Tutto nel 2’ di recupero: Gjinaj riesce a penetrare in area dal fondo ma il suo insidioso passaggio rasoterra viene spazzato sulla linea; si prosegue e il delizioso triangolo tra Gjinaj e Peluso porta quest’ultimo a tirare da ottima posizione in area piccola, ma la conclusione non prende il giro desiderato e muore sul fondo. La ripresa si apre con la Pontevecchio pericolosa: è De Luca da calcio piazzato a mettere i brividi al 4’, ma la sfera finisce a lato. L’inizio di frazione vede gli ospiti abbastanza pimpanti, ma così facendo prestano il fianco ai bianco-azzurri. Puntuale accade che al 9’ il Foligno ne approfitti: azione di contropiede partita da Ventanni su palla persa in mezzo da De Luca; Gjinaj porta al limite e allarga per Peluso sulla sinistra; tiro di prima intenzione murato da Fuscagni e sfera che si impenna, con Zanchi ben appostato in area per arpionare e sparare la girata vincente (1-0). Non bastasse, al 14’ ecco pure il raddoppio: è fantastico il coast to coast di Pettinelli che parte dalla sua metà campo saltando tre avversari, avviando di gran carriera la ripartenza e mettendo Gjinaj davanti a Guerra per il 2-0. Per l’attaccante torna il gol in campionato che mancava dal 7 ottobre. A questo punto la gara è indirizzata. La Pontevecchio non ha più velleità, mentre il Foligno sfiora il gol in altre due occasioni. La prima al 24’: ancora azione avvolgente dei Falchi, con Francioni che serve Peluso, che subito indirizza sul secondo palo per Ventanni; il destro è respinto da Bagnetti e Pettinelli manda altissimo il pallone vagante da posizione ravvicinata. Ancora palla buona per i bianco-azzurri al 90’: Gorini lancia Peluso che al centro serve il liberissimo Ventanni, ma Bagnetti evita di incassare il tris. Finisce 2-0 e il Foligno manda in archivio positivamente la prima dell’anno nuovo.

Queste le dichiarazioni del tecnico del Foligno Antonio Armillei al termine del match: «Primo tempo complicato per merito della Pontevecchio, ben messa in campo; noi giravamo palla in maniera molto lenta. Negli ultimi 15’ della frazione siamo andati meglio, anche creando delle opportunità interessanti. Nella ripresa, una volta sbloccata, è stato tutto più semplice e quando gli avversari si aprono siamo molto pericolosi. Stare fermi 20 giorni si è fatto sentire all’inizio, ma abbiamo fatto un bel lavoro durante la sosta. L’importante era vincere e ci siamo riusciti. Siamo a +5 sulle seconde? Noi dobbiamo sempre pensare solo a noi stessi. Il campionato si deciderà ad aprile».

FOLIGNO – PONTEVECCHIO 2-0
FOLIGNO (4-3-1-2): Roani, Pinsaglia, Zanchi, Petterini, Pagliarini (40’ st Ramilli); Pettinelli, Gorini, Fondi; Ventanni; Gjinaj (19’ st Francioni), Peluso.
A disp.: Meniconi, Baldoni, Salvucci, Giannò, Ciccioli, Tempesta, Giabbecucci. All.: Armillei.
PONTEVECCHIO (4-5-1): Guerra (19’ st Bagnetti); Morucci (48’ st Pammelati), Fuscagni, Minelli, Silvestri; Castrichini (35’ st Barboni), Arcioni, De Luca, Battistelli (28’ st Vinciarelli), Passeri (19’ st Casciani); Arteaga.
A disp.: Binaglia, R. Ceccarelli, Cecchini, A. Ceccarelli. All.: Grilli (squalificato, in panchina M. Martinetti).
ARBITRO: Cerbasi di Arezzo (Assistenti: Cicalini di Perugia – Bizzarri di Perugia).
MARCATORI: 9’ st Zanchi, 14’ st Gjinaj (F).
NOTE: spettatori 500 circa. Ammoniti: nessuno. Angoli: 10-3. Recupero: 2’ pt e 5’ st. Prima dell’inizio della gara osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Giulio Bromuri, capitano del Foligno tra gli anni Sessanta e Settanta, scomparso in settimana; i giocatori del Foligno sono scesi in campo con il lutto al braccio.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *