news

Una vittoria per mister Armillei: il guizzo di Colarieti piega il Grassina (1-0)

Una vittoria per il tecnico Antonio Armillei. I Falchi battono 1-0 il Grassina in una sfida fondamentale e scatta automatica la dedica al proprio allenatore, colpito venerdì dal grave lutto della scomparsa della madre. I bianco-azzurri riescono ad avere la meglio con una bella prova, di sostanza e personalità, conquistando la seconda vittoria di fila e facendo un bel balzo in avanti in classifica. A decidere è la rete di Lorenzo Colarieti alla fine del primo tempo.
LA SFIDA – Non è per niente una gara semplice, a dispetto di quello che la classifica potrebbe dire. Il Grassina ha ottenuto infatti le sue due vittorie in campionato entrambe fuori casa e quindi la guardia deve essere mantenuta alta. La fase di studio è molto lunga: inizialmente il 4-3-3 degli ospiti sembra più pimpante, ma con il passare dei minuti il Foligno viene fuori a livello di manovra e personalità: trovare spazi, però, non è facile, dato che i rosso-verdi sono compatti e ben disposti; padroni di casa invece che peccano un po’ nell’ultimo passaggio e vanno ad imbottigliarsi troppo spesso per vie centrali, nonostante un Marianeschi trequartista che gioca a tutto campo e che si sbatte per trovare le giocate. La gara si dà una “svegliata” dalla mezz’ora: il primo tiro del Foligno, con Zerbo, è del 31’ e abbastanza velleitario. Ben più insidiosa l’azione al 36’, quando un traversone di Marianeschi pesca sul secondo palo Giabbecucci, che di prima intenzione la mette in mezzo, ma Zerbo sottoporta non è incisivo. Grassina che dopo un inizio incoraggiante nei primi minuti ora sta più sulle sue e si vede in pratica per la prima volta al 37’, con Zagaglioni che lancia Marzierli, che però si allarga e non centra lo specchio. Arriviamo al minuto 42 e il Foligno riesce a colpire: Marianeschi ci va di “tigna” su Benvenuti e gli sradica il pallone regolarmente; sfera che arriva in area dove Zerbo in acrobazia scodella sul secondo palo, dove né Mancini né Fondi trovano la deviazione; c’è però Colarieti che arriva di gran carriera e fa partire il diagonale che si infila alle spalle di Cecchi. Dopo la rete tutti i giocatori ad abbracciare il tecnico Antonio Armillei dopo il lutto che lo ha colpito venerdì.
Ripresa che vede il Foligno più deciso, ma poco cattivo al momento di andare a cercare il raddoppio: il Grassina appare in difficoltà e all’8’ ci mette una pezza Cecchi, che va ad intervenire su un colpo di testa di Mancini a centro area su assist di Aldrovandi al 9’. Il piglio bianco-azzurro è buono, ma gli ospiti stentano a mollare e mano a mano che scorre il cronometro, cambiando atteggiamento tattico – passando dal 4-3-3 al 4-3-1-2 – riescono a guadagnare un po’ di campo: al 22’ è fondamentale l’intervento difensivo di Aldrovandi sull’azione in contropiede di Baccini; al 28’ invece Meniconi c’è sul tiro da fuori di Favilli. Grassina che insiste, ci crede, ma il Foligno, sia chiaro, non rischia più di tanto. Per di più, al 32’ la squadra di Armillei avrebbe anche la palla del raddoppio, con Mancini che viene innescato sul filo del fuorigioco, ma invece di servire Zerbo o cercare il diagonale, spara di forza sul primo palo, cogliendo solo l’esterno della rete. Il finale è teso, anche leggermente sofferto se vogliamo. Perché il Grassina butta avanti tanti palloni e gioca con il sangue agli occhi, andando a pressare anche in tre per riprendersi il pallone: al 34’ Meniconi deve smanacciare in angolo un’insidiosa girata di testa di Favilli su palla messa dentro da Gianneschi. Per il resto, Foligno in buona gestione della situazione. Nel finale, in pieno recupero, da segnalare un episodio poco simpatico: Sanseverino mette in fallo laterale il pallone per consentire il cambio di Colarieti, alle prese con qualche piccolo problema fisico; il tecnico ospite Innocenti, però, ordina ai suoi di non restituire il pallone per provare l’assalto finale. Assalto però che non avrà luogo e per il Foligno ecco tre punti d’oro per andare alla pausa con maggiore tranquillità.

Queste le dichiarazioni del direttore sportivo Michele Cuccagna al termine del match: «Vittoria che vale tanto: ora andiamo alla sosta più tranquilli a livello di classifica. La partita non è stata spettacolare, ma credo che la vittoria sia legittima, visto che secondo me abbiamo creato più di loro. Nel finale ci sta un po’ di sofferenza, perché la sfida era in bilico, ma grossi rischi non ne abbiamo corsi. Non l’abbiamo chiusa? Siamo stanchi mentalmente e fisicamente, abbiamo giocato tante partite in poco tempo e le energie venivano a mancare». Naturale un pensiero per il tecnico Armillei: «Il mister è la folignalità fatta persona: ha avuto un lutto e il giorno dopo già era ad allenare la squadra. Ama Foligno e il Foligno. Dedichiamo la vittoria a lui e a tutti quelli che hanno a cuore il Foligno Calcio».

FOLIGNO – GRASSINA 1-0
FOLIGNO (4-3-1-2): Meniconi; Colarieti (49’ st Betti), G. Nuti, Aldrovandi, Dita; Fondi, Sanseverino, Giabbecucci (19’ st Settimi); Marianeschi; Zerbo (45’ st Asllani), Mancini.
A disp.: Marricchi, Rossi, Fiki, Dell’Orso, Piancatelli, Bardeggia. All.: Armillei.
GRASSINA (4-3-3): Cecchi; Matteo, Villagatti (1’ st Favilli), Benvenuti, Gianneschi; Cavaciocchi (1’ st Del Lungo), T. Nuti (47’ st Rosi), Zagaglioni; Diarrassouba (12’ st Baccini), Marzierli, Calosi (46’ st Marino).
A disp.: Mataloni, Marfioti, Alfarano, Candia. All.: Innocenti.
ARBITRO: Grieco di Ascoli Piceno (assistenti: Galieni di Ascoli Piceno – Maroni di Fermo).
MARCATORI: 42’ pt Colarieti (F).
NOTE: gara giocata a porte chiuse. Ammoniti: Matteo (G), Marianeschi (F), Giabbecucci (F), T. Nuti (G), Zerbo (F), Sanseverino (F), Zagaglioni (G), Calosi (G). Angoli: 6-2. Recupero: 1’ pt e 3’+ 1’ st.

Nuova donazione effettuata dal gruppo del Foligno Calcio Cares

Il Foligno Calcio Cares, alla vigilia della nuova campagna Pasqua 2021, va a segno con un’ altra donazione.
Questa volta i destinatari sono i ragazzi de “Il Melograno” struttura socio-sanitaria di Foligno, ai quali è stato donato 1 quintale di pasta secca. La formazione dei volontari del Foligno Calcio ha salutato i ragazzi con lo striscione della società e il tanto apprezzato “uovo di Pasqua“ della Società bianco azzurra.

Condoglianze a mister Antonio Armillei

La società del Foligno Calcio, nelle persone del presidente Guido Tofi, dei membri del CdA, dei soci e di tutti i tesserati, si stringe intorno al proprio allenatore della Prima Squadra Antonio Armillei, colpito dal grave lutto della scomparsa della madre Anita. Al nostro mister vogliamo far sentire tutta la nostra vicinanza in questo momento così triste, porgendo le più sentite e sincere condoglianze a lui e a tutta la famiglia.

Foligno-Grassina: i precedenti

Un solo precedente, vittorioso, per il Foligno sul Grassina nella sfide giocate al “Blasone”: nel 1997/98 la gara valida per il Campionato Nazionale Dilettanti terminò 1-0 in favore dei Falchi. Lo scorso anno non si è giocato a causa della sospensione del campionato per la pandemia Covid-19

FOLIGNO-GRASSINA: I PRECEDENTI (dati tratti dal libro “Foligno Calcio la squadra del Cuore” di A. Bianchini)

STAGIONECATEGORIAPRECEDENTE
1997/98C. NAZ. DILETTANTIFOLIGNO – GRASSINA 1-0
2019/20SERIE DFOLIGNO – GRASSINA non disputata

 

Foligno-Grassina: ad arbitrare sarà Grieco di Ascoli Piceno

📆 PROGRAMMA E DESIGNAZIONI ARBITRALI DEL 7 MARZO

Di seguito il programma completo delle formazioni agonistiche del Foligno Calcio.

⚽️ CAMPIONATO SERIE D girone E, 21a giornata: FOLIGNO CALCIO – GRASSINA, domenica 7 marzo 2021 ore 14.30, stadio comunale “Enzo Blasone” (Via Monte Cucco – Foligno). ARBITRO: Paolo Grieco di Ascoli Piceno; assistenti: Gregorio Maria Galieni di Ascoli Piceno, Roberto Maroni di Fermo.

Anche la Pasqua sarà bianco-azzurra!!!

FOLIGNO CALCIO SSDARL comunica che lunedì, 8 marzo 2021, nella sala stampa “Ermanno Benedetti”, alle ore 11.30, si svolgerà una conferenza di presentazione delle iniziative per la Pasqua 2021. Un’ anticipazione è già emersa mercoledì, in occasione della diretta streaming della gara con il San Donato Tavarnelle, quando la responsabile marketing Gloria Panfili ha presentato l’uovo di Pasqua del Foligno Calcio: «Come già abbiamo fatto per Natale, con la palla dell’albero personalizzata, così vogliamo tingere di bianco-azzurro anche la Pasqua, con queste uova completamente “made in Foligno”: sono prodotte dalla pasticceria Beddini nella versione latte o fondente extra e al loro interno ci saranno sorprese realizzate da artigiani folignati». Una nuova iniziativa per stare comunque vicini alla città: «Siamo sempre nell’ambito del progetto Foligno Calcio Cares: i proventi saranno devoluti al volontariato e alle attività che si occupano di beneficenza territoriale». Ulteriori dettagli, curiosità ed iniziative verranno illustrate nel corso della conferenza stampa di lunedì.

Trofeo “Miglior Falchetto”: scala posizioni Lorenzo Colarieti

Si gioca ogni tre giorni e proseguono senza respiro le tappe del trofeo “Miglior Falchetto” 2020-2021, organizzato dall’Ussi (Unione Stampa Sportiva Italiana), da Rgu, dai giornalisti della sala stampa dello stadio Enzo Blasone.  La gara interna di mercoledì scorso con il San Donato Tavarnelle, valida per il recupero della settima giornata di andata del campionato ‘20-‘21, ha visto dopo tanti sacrifici la vittoria dei folignati per 1-0. Il migliore dei falchetti è stato il difensore Lorenzo Colarieti, autore di una ottima prestazione. Al secondo posto  si è classificato il centrocampista Tommaso Settimi, anche lui uno dei migliori della compagine biancoazzurra. Classifica generale del “Trofeo Miglior Falchetto ’20-‘21”: al primo posto il centrocampista Giulio Sanseverino con 11 preferenze; secondo posto Zerbo con 10 preferenze; terzo posto Colarieti con 9 preferenze; quarto posto Dondoni e Settimi con 8 preferenze; quinto posto Mancini con 7 preferenze; sesto posto Marricchi, Marianeschi, con 6 preferenze; settimo posto Fondi con 4 preferenze; ottavo posto Nuti, Aldrovandi con 3 preferenze; nono posto Piancatelli, Meniconi, Dita con una sola preferenza.

I Falchi ci credono fino al 96′: il San Donato Tavarnelle è battuto (1-0)

Tre punti sudati, arrivati all’ultimo istante in una gara tosta, combattuta, in cui il Foligno ha affrontato e battuto una delle squadre più forti del campionato (ma indietro in classifica per le tante partite ancora da disputare): 1-0 al San Donato Tavarnelle firmato Zerbo al 96’ nel recupero della settima giornata del campionato. Un piccolo colpo di fortuna: quando Armillei nel 1’ di recupero ha inserito Bardeggia, facendo allungare l’extra-time, forse non si aspettava un epilogo del genere. Ebbene, in una delle ultime sortite della sfida l’inserimento di Sanseverino ha fruttato il rigore decisivo. Si torna al successo dopo quasi un mese, con il merito di averci creduto fino alla fine.
LA SFIDA – Armillei conferma il 3-5-2 (out Fondi per un problema muscolare); l’ex Indiani invece dispone il San Donato Tavarnelle con un 3-4-1-2. L’inizio dei toscani è arrembante: al 5’ Paolo Regoli, in seguito a una errata uscita del Foligno, entra in area dal lato corto destro sinistro e punta all’incrocio sul palo lontano, ma la mira è di poco imprecisa. Il Foligno all’inizio è in confusione e gli ospiti insistono: all’ 11’ bel dialogo al limite tra Vieri Regoli e Calonaci, che viene innescato in area e fa partire il diagonale, anche questo di pochissimo fuori; 2’ dopo, invece, un rimpallo favorevole al limite permette a Gomes di agganciare e di girarsi in un fazzoletto, ma è pronta la risposta di Meniconi al sinistro del portoghese. Falchi che arrancano, ma non cedono. Anzi, dal 20’ sembrano crescere dal punto di vista tattico e tengono meglio il campo. Il campo obbligato a Dondoni (26’) costringe Armillei a rimettersi a 4-3-1-2 con l’ingresso di Giabbecucci: tornato all’antico, il Foligno gioca meglio e più sciolto. In più, al 34’ arriva anche un episodio chiave, con il San Donato Tavarnelle che rimane in dieci: Meniconi va al rinvio, Valesani sbaglia l’intervento e favorisce Marianeschi che avvia il turbo verso la porta, ma il difensore ospite lo ferma fallosamente e per Moretti di Como è chiara occasione da rete ed estrae il rosso. San Donato che vacilla, ma il Foligno non affonda il colpo: sulla punizione seguente, infatti, la conclusione di Marianeschi passa attraverso la barriera e Signorini ci va di riflesso; Nuti si scaglia sul pallone ma viene murato, poi Giabbecucci a centro area spara alle stelle. Il finale di frazione è tutto di marca bianco-azzurra: al 45’ un’azione insistita permette a Giabbecucci di caricare al limite il destro a giro, ma la sfera sbatte sul montante e sulla ribattuta Mancini calcia altissimo. Un’occasione d’oro.
Ripresa sempre interessante e agonisticamente valida. Il San Donato Tavarnelle, disposto con il 4-3-2, non molla di un centimetro e se la gioca, consapevole di avere le armi giuste: ad esempio, al 5’ Pietro Regoli, su angolo di Caciagli, gira di testa sul secondo palo, ma la sfera sfila di pochissimo a lato. Foligno che risponde, fiutando la possibilità dell’impresa: al 7’ non prende il giro voluto il sinistro in area di Marianeschi su sponda di Mancini, mentre al 14’ scheggia il palo la punizione di Zerbo dal vertice destro dell’area. Entrambe vorrebbero farla propria e con il passare dei minuti si capisce che il minimo errore potrebbe essere fatale. Rischia grosso la squadra di casa al 26’, con Meniconi che esce male su un pallone spiovente messo dentro da Caciagli, ma Gomes, defilato, non centra nemmeno la porta vuota; poco dopo (28’) debole sinistro di Zerbo su torre di Mancini. La vorrebbero vincere entrambe (forse più il Foligno), ma si va verso lo 0-0. Poi il recupero: prima Moretti indica 5 minuti, poi 6 nel momento in cui entra Bardeggia. Al fotofinish una bella azione bianco-azzurra consente a Sanseverino la penetrazione in area, con sgambetto da dietro di Carcani. Un rigore che pesa come un macigno per Zerbo, che si fa respingere la conclusione dal dischetto da Signorini, ma il pallone che gli torna tra i piedi sulla ribattuta è quello buono per scatenare la gioia dei Falchi.

Queste le dichiarazioni del tecnico del Foligno Antonio Armillei al termine del match: «Il risultato credo sia meritato. Vero che loro hanno giocato un’ora in dieci, ma non era semplice. Dopo i primi 20’ abbiamo creato opportunità; nel secondo tempo abbiamo condotto sempre noi la gara, poi nel recupero finalmente siamo anche stati fortunati per una volta, trovando l’episodio decisivo. Il 4-3-1-2 è un modulo che conosciamo bene e la squadra lo sa interpretare. Avevo scelto il 3-5-2 per riuscire a contrastarli meglio, poi le vicende della gara mi hanno fatto “tornare indietro”. Poco cattivi sotto porta? Creiamo e sprechiamo tanto: dobbiamo essere più determinati ed incisivi».

FOLIGNO – SAN DONATO TAVARNELLE 1-0
FOLIGNO (3-5-2): Meniconi; Nuti, Dondoni (26’ pt Giabbecucci, 46’ st Bardeggia), Aldrovandi; Colarieti (32’ st Betti), Settimi (32’ st Asllani), Sanseverino, Marianeschi, Dita; Zerbo, Mancini.
A disp.: Marricchi, Rossi, Fiki, Dell’Orso, Piancatelli. All.: Armillei.
SAN DONATO TAVARNELLE (3-4-1-2): Signorini; Valesani, Brenna, Pisaneschi; P. Regoli (34’ st Ciurli), Caciagli, Viligiardi (21’ st Alessio), Suffer (12’ st Carcani); Calonaci (1’ st Tartaglione); V. Regoli (38’ st Pino), Gomes.
A disp.: Balli, Di Santo, Noccioli, Polvani. All.: Indiani.
ARBITRO: Moretti di Como (assistenti: Rignanese di Rimini – Melnychuk di Bologna).
MARCATORI: 51’ st Zerbo (F).
NOTE: gara giocata a porte chiuse. Espulsi al 34’ pt Valesani (SDT) per fallo da chiara occasione da rete e al 34’ st dalla panchina il dirigente Della Vedova (F) per comportamento non regolamentare. Al 51’ st Signorini (SDT) respinge un rigore a Zerbo (F). Ammoniti: Settimi (F), Suffer (SDT), Tartaglione (SDT), Aldrovandi (F). Angoli: 4-3. Recupero: 2’ pt e 6’ st.

Foligno-San Donato Tavarnelle: i precedenti

Quello di mercoledì sarà il terzo incrocio a Foligno tra i Falchi e il San Donato Tavarnelle. L’anno scorso, alla prima di campionato, gara combattutissima vinta 1-0 dai bianco-azzurri grazia a una perla di Maurizio Peluso, che con un fantastico tiro da fuori centrò l’incrocio dei pali al 41′ del secondo tempo. Le due squadre si sono incontrate anche nella stagione 2014/15, sempre in Serie D, e finì 2-2. I toscani si portarono sul doppio vantaggio con i gol di Taflaj (28’) e M. Mitra (35’), ma i Falchi, allora allenati da Alberto Favilla, con Vegnaduzzo (rigore al 49’ del primo tempo) e Gabriele Fondi (35’ della ripresa) riuscirono ad impattare

FOLIGNO-SAN DONATO TAVARNELLE: I PRECEDENTI

STAGIONECATEGORIAPRECEDENTE
2014/15SERIE DFOLIGNO-SAN DONATO TAVARNELLE 2-2
2019/20SERIE DFOLIGNO-SAN DONATO TAVARNELLE 1-0

Recupero Foligno-San Donato Tavarnelle: dirige Moretti di Como

📆 PROGRAMMA E DESIGNAZIONI ARBITRALI DEL 3 MARZO

Di seguito il programma completo delle formazioni agonistiche del Foligno Calcio.

⚽️ CAMPIONATO SERIE D girone E, 7a giornata (recupero): FOLIGNO CALCIO – SAN DONATO TAVARNELLE, mercoledì 3 marzo 2021 ore 14.30, stadio comunale “Enzo Blasone” (Via Monte Cucco – Foligno). ARBITRO: Stefano Moretti di Como (nella foto); assistenti: Davide Rignanese di Rimini, Ivan Melnychuk di Bologna.