Rubrica: l’angolo del giocatore – Intervista a Lorenzo Colarieti  

RUBRICA: L’ANGOLO DEL GIOCATORE

Intervista a Lorenzo Colarieti  

Lorenzo Colarieti

Data di nascita: 22/03/2000

Luogo di nascita: Spoleto (Pg)

Altezza. Cm 180

Peso: kg 76

Ruolo: terzino destro

Film preferito: John Wick

Canzone preferita: Meraviglioso (versione dei Negramaro)

Hobby: andare al cinema, giocare a paddle

 

Lo spoletino ha iniziato a giocare a calcio 11 anni fa con la Voluntas Spoleto. Ha militato nell’Under 17 Nazionali con i colori della Ternana; nel 2017, con i colori della Narnese, è stato premiato come miglior fuori quota del campionato Eccellenza di quell’anno. Il 2020/2021 è il terzo anno che milita nella serie D. Ad inizio del campionato 2018/2019 era nella rosa della Vastese e, da gennaio, in quella del Cannara. Da due anni è portacolori del Foligno Calcio.

Che tipo di allenamento state facendo in queste due settimane di pausa?

“In questi 15 giorni di pausa stiamo lavorando in modo differente rispetto a prima. Abbiamo modificato l’intensità dell’allenamento perché rimanendo poche partite da giocare dobbiamo essere allenati per ogni tipo di confronto”.

Come state preparando la prossima partita del 9 maggio 2021 in casa Scandicci 1908?

“Ci stiamo allenando con la serenità giusta per giocare la partita come fosse una finale. Rimangono pochi confronti e noi saremo pronti a dare il tutto per tutto”.

Che ne pensa della proclamazione del “miglior Falchetto” nella partita Foligno Calcio-Trestina della 27° giornata (serie D, girone E)?

“Sicuramente è sempre una bella soddisfazione esser premiato ma non avendo portato a casa nessun punto da quella partita, la mia contentezza è a metà”.

Come concilia lo studio universitario con l’impegno calcistico in serie D?

“ Sono iscritto al primo anno del corso universitario in Economia e Commercio. Lo studio stimola a migliorare l’impegno nell’attività sportiva. Per entrambi i settori ci sono obiettivi da raggiungere.
E’ come nella vita: più ti poni obiettivi da raggiungere e più sei spronato ad impegnarti. E poi, per il futuro è bene avere un titolo accademico nel cassetto. Non si sa mai ! “.

 

 

 

Tags:, , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *